Gothic Cruise  By Gucci

A pochi giorni dal rilascio della campagna pubblicitaria #ForeverGuilty, in cui appaiono Lana del Rey e Jared Leto, i nuovi volti della casa di moda tricolore, Gucci decide, per la nuova collezione primavera-estate, di portarci in un lungo viaggio in crociera;

 

una crociera che è qualcosa però che ha ben poco a che fare con il lusso e luoghi esotici;

 

Ad aprire lo spot, i cui scatti sono stati realizzati dal fotografo Glen Luchford, vi è infatti un paesaggio agricolo, quasi bucolico, ma soprattutto particolarmente cupo, che fa da scenario dark a schiere di animali e giovani contadini che si affrettano a salire a bordo di una barca, quasi per scampare ad una tempesta.

 



Poi all’improvviso il lampo di genio: si tratta chiaramente della biblica Arca di Noè, liberamente interpretata in chiave post-moderna ed alternativa, in cui ogni singolo dettaglio presente nella scena è essenziale alla creazione di un’atmosfera che, entrando perfettamente in linea con lo stile delle campagne precedenti realizzate dal brand, è sicuramente piena di magia, mistero ed in tal caso, oscurità.

 

Gli abiti indossati dai membri di quella che si potrebbe definire una “comunità rurale”, riflettono tutti un gusto fortemente neo-punk, anzi gothic per dirlo con uno degli aggettivi con cui è stata definita questa nuova collezione, e sono frutto della visionaria immaginazione Alessandro Michele, noto stilista di Gucci.

 

Diamo un’occhiata agli scatti con gli abiti più iconici:

 

Slider

 

Piena di riferimenti biblici, come in tal caso l’agnello in grembo a quella che sembra una neo-punk Virgin Mary, la campagna presenta una chiara preferenza per quello che è un capospalla in particolare: la mantella, che qui assume i toni dell’azzurro e che entra in netto contrasto con il viola scuro del tailleur di velluto indossato dalla modella.

 

Slider

 

Quello che potrebbe essere quasi frainteso per un “dietro le quinte”, in realtà è uno scatto studiato appositamente per mettere in risalto gli abiti protagonisti di questa scena paradossale quanto affascinante. Se il viola e l’azzurro erano i colori scelti per la fotografia precedente, in tal caso spiccano l’arancio, il verde ed il rosso.

 

Qualcos’altro però vale la pena evidenziare: quest’ immagine, in cui vi sono delle stampe vintage, tipiche degli anni ’70 ,sembra in un certo senso essere “fuori ritmo” rispetto allo stile voluto dalla campagna;

 

la continuità di senso è però assicurata da piccoli dettagli come gli orecchini a croce della figura sulla sinistra e dal pezzo preferito di questa collezione: il mantello, che in tal caso è indossato dal modello sulla trave ed è di satin damascato.

 

Slider

 

Rimaniamo in tema vintage facendo un viaggio indietro nel tempo e spostandoci dagli anni ’70 agli anni ’50, con le loro gonne plissettate portate poco sopra la caviglia, che qui vengono calate però tra tigri e cerbiatti.

 

Leggere ma soprattutto iconiche, protagoniste anche della moda di quest’anno, vengono abbinate alle rispettive giacche indossate dalle modelle.

 

Slider

 

Ambientazioni da casa nella prateria, colori tenui che entrano in contrasto con un verde brillante, insomma un’immagine che sembra un vero dipinto.

 

A sinistra un completo in tartan scozzese con tonalità che si sposano perfettamente con quelle presenti sullo sfondo.

 

A destra, look total white ad eccezione degli stivali verdi sgargianti e della borsa con disegni animali che va a riprendere il tema generale di comunione con la fauna.

 

Slider

 

Inserito perfettamente in questo locus amoenus c’è lui, pluripremiato canatutore inglese emerso grazie ad X Factor UK, nonché ex membro della celeberrima boyband “One Direction”, Harry Styles;

 

Il cantante, così come il modello nella foto precedente, indossa un completo di tartan scozzese ma viene abbinato in questo caso con una mantella impreziosita di disegni orientaleggianti.

 

Slider

 

E’ proprio questo forse lo scatto in cui più viene dimostrata la genialità di Alessandro Michele: il riferimento biblico di Adamo ed Eva viene rivisto ed ha ora come protagonista un’Eva incredibilmente gothic con indosso un copricapo costellato di brillanti, collana a croce, ed occhiali bicolore dalla forma eccentrica.