Fall In The City Never Sleeps – New York Fashion Week

Se chiedessero di descrivere l’idea dell’autunno, senza alcun dubbio chiunque direbbe: pioggia, foglie che cadono, freddo. Se per molti questa rappresenta infatti una stagione incredibilmente tetra, per altri invece, è quella del “coziness”, del confort e di tutte le calde sfumature delle foglie autunnali.

 

Per godere appieno di tutte quelle che sono le bellezze segrete di questo periodo però ci vorrebbe una passeggiata per i viali alberati di Central Park, parco di una delle città più fashion del mondo, New York.

 



La grande mela, come sappiamo, è da sempre stata l’epicentro dello stile, della moda, nonché della globalizzazione e la sua Fashion Week, come detto nell’articolo precedente, è indiscutibilmente una delle più attese del mondo.

 

A ravvivare e risvegliare la città dal torpore autunnale ogni anno infatti, ci sono i molti stilisti che si ritrovano nella metropoli, pronti a lanciare le prossime tendenze e a sfoggiare look interessanti quanto immancabilmente eccentrici.

 

Così come per il fashion, la New York Fashion Week è di vitale importanza anche per quanto riguarda l’universo make-up: proprio sul runway, in effetti, tante sono state le idee create dei designer che, contrariamente a quanto pensano molti, non rappresentano un mero abbellimento all’outfit scelto, quanto invece un vero e proprio elemento di vitale importanza, poiché lo stile scelto per i capi d’abbigliamento deve essere trasferito contemporaneamente anche nel trucco abbinato.

 

Dalle labbra effetto ombrè fino ad un salto nel tempo ai vivaci anni ’60 fino ad arrivare agli anni ’80 con i suoi glitter ed ombretti dalle tinte forti, diamo uno sguardo più da vicino a tutti trend sfoggiati in passerella alle sfilate autunno-inverno di quest’anno.

 
 

Rock n’roll Diva

 

Uno stile grunge ed aggressivo è adottato dalla casa di moda statunitense Alice+Olivia ed è riflesso ovviamente anche nel make-up realizzato da Erin Parsons.

 

Tutto è puntato sugli occhi per i quali si scelgono delle nuances scure dando libero sfogo a glitter e smoky eye, mentre si preferiscono rossetti nude per le labbra

 

previous arrow
next arrow
Slider

 
 

Golden Age

 

Oro e strass sono le parole d’ordine per la nuova collezione di Ulla Johnson; anche qui tutto è puntato sugli occhi per i quali si è scelto qualcosa di sorprendente: preziose foglie d’oro , quasi a richiamare le foglie autunnali, che fungono da eyeshadow, abbinati ad una pettinatura in stile vittoriano con delle trecce “a rovescio”.

 

Slider

 
 

Futuristic Pop

 

Tutta l’energia, bizzarria e i colori fluo che caratterizzano gli anni ’80 sono stati realizzati da Kabuki, make-up artist per Jeremy Scott, e vengono fusi in uno stile esagerato, neon, con ombretti dalle sfumature rosate completato con l’aggiunta di eccentrici stencil 3D.

 

Slider

 
 

Midnight kiss

 

Se fino ad ora tutta l’attenzione era puntata sugli occhi c’è da dire che in realtà la novità assoluta di questa stagione è stata lanciata nella sfilata di Self Portrait.

 

Si è infatti scelto di realizzare l’effetto ombrè: questa nota tecnica, solitamente applicata ai capelli o anche agli occhi, viene ora insolitamente scelta per le labbra; l’effetto? Volume e sensualità.

 

La particolarità però non è solo questa: le tinte sono scure, si parte dal viola fino ad arrivare al blu ed infine al nero, creando così uno stile dal sapore tetro, quasi gotico.

 

Slider

 
 

Romantic Beauty

 

Capelli raccolti in un’acconciatura morbida, smoky eye che dal nero delicatamente passa al bianco e lipstick, ancora una volta nude. Queste le caratteristiche invece del make-up realizzato per Carolina Herrera.

 

Slider

 
 

Back to the 60s

 

Uno dei make-up più interessanti apparsi in passerella è quello creato per Gigi Hadid, musa della stilista americana Anna Sui; anche qui si gioca con ombretti dalle tinte accese: rosa, viola, e ciglia finte, il tutto rappresenta chiaramente un forte richiamo ad un’icona evergreen della moda, Twiggy, simbolo stesso di quelli che furono gli anni più rivoluzionari di sempre.

 

Slider

 
 

Disco Queen

 

Marc Jacobs alla chiusura della New York Fashion Week si potrebbe dire aver trasformato la passerella in una vera e propria pista da ballo anni ’80; la parola chiave è sicuramente GLITTER. Il bello però è che la make-up artist Diane Kendal ha deciso di abbinare ogni trucco ad un preciso look, così che ogni modella aveva delle precise tonalità mantenendo lo stesso stile.

 

Slider